CONTABILITÀ » Strumenti » Fatturazione elettronica

Imposta di bollo su fatture elettroniche 2019: operatori in attesa dell’Agenzia

10 Aprile 2019 in Rassegna Stampa
Fonte: Fisco e Tasse

Aggiornamento: disponibile nel portale “Fatture e Corrispettivi” dell’Agenzia delle Entrate la sezione dedicata al pagamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche.
Leggi l'articolo "Pagamento Imposta di bollo e-fatture: l’Agenzia pubblica gli importi" su come fare.
__________________

Il D.M.  del 28 Dicembre 2018, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 7 Gennaio del 2019 ha previsto una diversa procedura di assolvimento dell’imposta di bollo per le fatture elettroniche emesse a partire dal 1° gennaio 2019.

La disciplina previgente prevedeva che entro 120 giorni dalla chiusura di ogni esercizio venisse versata l’imposta di bollo indicata in fattura come “assolta virtualmente” attraverso modello F24 e codice tributo 2501. Per le fatture elettroniche emesse nel 2018 vale ancora quindi questa modalità di assolvimento ed il versamento dovrà essere effettuato entro il 30 Aprile.

Per quanto riguarda invece le fatture elettroniche emesse nel 2019, occorre far riferimento alle disposizioni recate dal D.M. del 17/06/2014 e in particolare l’art. 6, così come recentemente modificato dal DM del 28 dicembre 2018 prevede che:

  • l’imposta di bollo sui documenti informatici fiscalmente rilevanti è corrisposta con versamento tramite modalità esclusivamente telematiche;
  • il pagamento dell'imposta relativa alle fatture elettroniche emesse in ciascun trimestre solare è effettuato entro il giorno 20 del primo mese successivo.

Per poter agevolare il contribuente l'Agenzia delle Entrate deve rendere noto l'ammontare dell'imposta dovuta sulla base dei dati presenti nelle fatture elettroniche inviate attraverso il Sistema di interscambio e riportare l'informazione all'interno delle aree riservate dei vari contribuenti IVA.

Il pagamento dell'imposta potrà essere effettuato mediante il servizio presente nella predetta area riservata, con addebito su c/c bancario o postale, oppure utilizzando il modello F24 predisposto dall'Agenzia delle entrate.

Ad oggi, tuttavia, non è ancora presente nessuna informazione nelle aree riservate dei vari contribuenti sul sito dell’Agenzia delle Entrate e chi ha provato a chiedere notizie all’amministrazione finanziaria stessa ha ricevuto risposte, più o meno precise, che affermavano che le informazioni saranno rese note entro metà aprile.

Infine si ricorda che la scadenza per il pagamento dell’imposta di bollo sulle fatture del primo trimestre, il 20 aprile, cade di sabato e che i giorni successivi sono festivi per cui la scadenza effettiva sarà il 23 aprile.
 

I commenti sono chiusi